FEDERBALNEARI STOP AI BANDI DI GARA E INSERIRE “PATRIMONIO DELLO STATO” PER SALVARE LA SARDEGNA

FEDERBALNEARI SARDEGNA gia al Lavoro col Ministero del Turismo (Sott. Bonaccorsi) per portare a compimento L’emendamento al DL RILANCIO due punti:

• STOP BANDI DI GARA IN ITINERE E NUOVI BANDI DI GARA PER TUTTA LA DURATA DELLE ESTENSIONI DEI TITOLI CONCESSORI

• INSERIMENTO DELLA NOMENCLATURA “PATRIMONIO DELLO STATO” IN AGGIUNTA AI TITOLI DA ESTENDERE FINO AL DICEMBRE 2033.

Se rappresentiamo la Sardegna, dobbiamo essere pronti a farlo al 100% per ogni nostro Affiliato Federbalneari.
Lo stop ai bandi di gara in itinere, permetterà di fermare ogni scellerata iniziativa Comunale e Regionale, da parte dei vari Dirigenti, che continuano a pensare in maniera “ordinaria” durante una situazione “straordinaria” andando contro le Leggi Nazionali. Vanno tutelati i Dirigenti dalle loro paure, se pur poco comprensibili, dopo di che, automaticamente le famiglie dei Balneari Sardi saranno salve fino al dicembre 2033.

Fermo restando che qualora, i dirigenti dovessero proseguire la loro scellerati iniziativa contro le leggi Nazionali Vigenti e mai in procedura di Infrazione con L’Europa, a quel punto chiedere il ritiro delle Deleghe dei Comuni Contro Legge. Speriamo di non arrivare mai a farlo, sarebbe una sconfitta per tutte le parti interessate.

L’inserimento della nomenclatura “Patrimonio dello Stato”, qualora fosse accettata, permetterebbe di tutelare il lavoro di anni, portato avanti con sacrifici dalle Famiglie della Sardegna, evitando loro di doversi sottoporre, a bandi di gara annuali, in periodo di Coronavirus.

FEDERBALNEARI STOP AI BANDI DI GARA E INSERIRE “PATRIMONIO DELLO STATO” PER SALVARE LA SARDEGNA

2 pensieri su “FEDERBALNEARI STOP AI BANDI DI GARA E INSERIRE “PATRIMONIO DELLO STATO” PER SALVARE LA SARDEGNA

  • 22 Maggio 2020 alle 06:29
    Permalink

    gradirei listini e cataloghi

    Rispondi
    • 23 Maggio 2020 alle 05:48
      Permalink

      Buongiorno sig. Cudoni, può essere più specifico nella sua richiesta?

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *